Avvento: in cammino incontro all’Atteso

<< Torna indietro

 
 
L’Avvento ci reca l’invito deciso a metterci in cammino. Un percorso che compiremo per quattro settimane per vivere il mistero di Cristo nella storia. La Lettera agli Ebrei afferma con forza che "Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e sempre!" (Eb 13,8). Invece, la storia cambia e deve essere costantemente evangelizzata, deve essere rinnovata dall'interno; e l'unica novità è Cristo. Perché in Cristo vi è la piena realizzazione e il luminoso futuro dell'uomo e del mondo.
 
La Madre Chiesa invita tutti a scoprire l'Avvento come un fondamentalmente itinerario lungo il quale incontreremo Dio che vuole entrare nella vita di ciascuno, vuole parlarci, vuole entrare nella nostra storia e nella vita di ogni uomo.

Lungo la strada di questo tempo d'Avvento porteremo sulle spalle lo zaino. Ci saranno giorni in cui peserà di più; altri in cui ci sentiremo sfiniti a tal punto che vorremo sederci e abbandonare il peso che grava sulle nostre spalle ... Non scoraggiamoci. Abbandoniamo tutto il superfluo che dovesse rallentare il nostro passo e tratteniamo solo una cosa nello zaino: la gioia di andare incontro al Signore che viene.

Cari Amici
dobbiamo avere speranza nel futuro;
non dobbiamo avere paura dei fallimenti;
non dobbiamo vivere costantemente preoccupati per ciò che accadrà.
Come cristiani, dobbiamo vivere ogni giorno nella gioia, sapendo che non possiamo né cambiare il passato, né programmare il futuro secondo i nostri interessi. Ma dobbiamo essere certi di incontrarci con l’Atteso, e dallo zaino delle buone opere estrarre un sorriso per i tristi; una mano che stringe quella di chi è solo; i piedi rotti dalle pietre della strada che percorriamo accompagnando chi si trova nel bisogno bisognosi; un cuore stanco, ma che non si arrende quando ama generosamente chi vive nella malattia, nella solitudine o nell'abbandono.
 
Lungo il nostro cammino potremo sorgere tanti problemi, tante difficoltà, ma quando incontreremo un bambino, un vecchio, un giovane smarrito, sorgerà dentro di noi un sorriso perché sapremo di andare in contro alla speranza: E' nato per noi un bambino,  un figlio ci è stato donato!

Auguriamoci che in questo tempo di Avvento possiamo tutti riscoprire l'adesione incondizionata a un Dio che ci ama profondamente. Ospitiamo nel nostro cuore l'attesa di tutta l'umanità. Offriamo una risposta sicura a Dio. Accogliamo il dono ricevuto. Apriamoci all'esperienza dell'incontro con Colui che attendiamo. Solo in questo modo cammineremo verso l'Atteso: "il Dio fatto Uomo" nella tenerezza di un Bambino di nome Gesù.
 

© Riproduzione Riservata