La vita nello Spirito
il dono della sapienza

<< Torna indietro

 

Nel corso dell’estate ho scelto per la mia meditazione il tema: “La vita nello Spirito”.
Desidero condividere queste riflessioni con quanti seguono queste pagine

 


Lo Spirito Santo riversa la totalità dei suoi doni su tutti i battezzati e confermati. Non sono per una minoranza di eletti, né possiamo pensare che ci siano cristiani che ne hanno alcuni e a cui mancano altri. Esprimono le disposizioni fondamentali che lo Spirito Santo provoca nei credenti e che si manifestano nelle decisioni che prendono nel corso della vita, se si lasciano guidare da Lui e si prendono cura della loro vita cristiana nell'ascolto della Parola di Dio. La sapienza e gli altri doni a essa correlati, come la scienza o l'intelletto, non devono essere confusi con le qualità naturali che hanno le persone che eccellono nel mondo della conoscenza o della scienza. Se è così, dovremmo concludere che lo Spirito Santo non distribuisce la sua grazia a tutti.
A un certo momento Gesù ha detto questa preghiera: «Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli» (Mt 11,25). Non disprezza le persone che si distinguono per la loro conoscenza, né queste parole dovrebbero essere viste come un complimento di ignoranza. Sant'Agostino, commentandole, nota che in esse contrappone "i saggi e i dotti" con i "piccoli". La disposizione fondamentale e necessaria affinché questi doni portino frutto nel cuore dei credenti è l'umiltà. La sapienza, che è un dono dello Spirito, è vissuta dagli umili e dai semplici di cuore.
Il fatto è che la sapienza cristiana è la sapienza della Croce. C'è una sapienza e un'intelligenza incompatibili con il Vangelo. È ciò che il mondo fonda sulla efficienza, sul successo, sul denaro e sul potere; è l'atteggiamento di chi affronta la vita pensando di essere più degli altri per quello che sa, per quello che ha o per quello che ha realizzato. 
Questo porta alla superbia e all'orgoglio. Sebbene siano ammirati e invidiati dal mondo, agli occhi di Dio sono stolti, perché non costruiscono la loro vita sulla vera roccia salda che è Cristo.
La sapienza dello Spirito è proprio questo: è la grazia di poter vedere ogni cosa con gli occhi di Dio. Spontaneamente, le persone valutano le cose in base ai propri interessi e desideri o in base alle conseguenze immediate. Sono i giudizi di valore che sorgono istintivamente. Tuttavia, il credente deve cercare di guardare le cose attraverso l’orizzonte di Dio, come Gesù le vide dalla croce e dalla sua risurrezione. 
Se viviamo in amicizia con Dio, giudichiamo la realtà con i suoi occhi e, di fronte a una battuta d'arresto, non ci lasciamo trasportare dalla reazione spontanea che spesso porta a perdere la pace. La sapienza dello Spirito ci permette di vedere naturalmente se le decisioni che prendiamo nella vita sono secondo la volontà di Dio oppure no; se le motivazioni sono in accordo con il Vangelo.
Ho incontrato nella mia vita persone semplici, molte delle quali anziane e inferme, che mi hanno evangelizzato davvero. Nella loro capacità di valutare le cose dal punto di vista della fede ho visto in esse il dono della sapienza. Facciamo nostra la preghiera del Salmo 89: “Donami Signore di giungere alla sapienza del cuore”.


© Riproduzione Riservata