Il senso vero del Natale

<< Torna indietro

 

Che ne è stato del nostro Natale?
Per alcuni il Natale è un incontro, un po’ di felicità in più, una ritrovata o riconfermata amicizia, un po’ di solidarietà e di pace.
Per altri il Natale è una festa di consumo, ridotta a luci sfolgoranti e scambio di auguri.
I tentativi di emarginare questa festa cristiana o cambiare il suo significato non deve portare a trascurare il punto focale.
 
A Natale si celebra la nascita del Figlio di Dio.
Dio si è fatto uomo per amore degli uomini, per amore mio e tuo.
Questo Bambino debole e povero, nato a Betlemme, questo Bambino cantato dagli angeli, adorato dai pastori e adorato dai re d'Oriente, questo Bambino è Dio.
Questo Bambino porta la salvezza al mondo, è nato per portare gioia e pace a tutti.
Questo Bambino avvolto in fasce, che giace nel presepe è Dio che viene a visitare e a guidare i nostri passi sulla via della pace. "Gloria a Dio nei cieli e pace in terra agli uomini che Dio ama" (Lc 2, 14), cantano gli angeli cantare e annunciano l'evento ai pastori come "una grande gioia, che sarà di tutto il popolo" (Lc 2, 10). Gioia, anche se è nato in una grotta, gioia anche se povero e nato in una mangiatoia, gioia anche se è nato tra l’indifferenza o l’ostilità della gente e l’ostilità dei potenti.
 
Natale è il mistero dell'amore di Dio Padre che ha inviato nel mondo il suo Figlio unigenito, per darci la propria vita.
È l'amore di Dio per noi, l'Emmanuele venuto sulla terra per morire sulla Croce.
Il Principe della Pace, nato a Betlemme, darà la sua vita sul Golgota perché sulla terra regni l'amore e la fratellanza; perché sulla terra trionfi la solidarietà, la giustizia e la pace.
 
Il vero Natale, l’unico Natale, quindi, è che l'eterno Figlio di Dio si fa uno di noi.
E questo cambia tutto dalla radice. Il Natale cambia il senso della nostra vita.
Infatti, se Dio si fece uomo, tutti siamo meritevoli davanti a Dio per come siamo e ciò che abbiamo o sappiamo. Il Natale cambia, così, il perché e il percome della nostra vita. La nostra vita acquista un valore infinito e una speranza infinita, perché la tua vita e la mia è valsa l'Incarnazione di Dio. Il vero Natale cambia il senso della nostra celebrazione, dà senso alla nostra gioia e muta le nostre paure, le tristezze e le disperazioni. Infatti, se Dio ha preso su di sé la nostra condizione umana, essa non sarà mai sarà separata da Dio. Dio non volterà mai le spalle a nessun uomo e a nessuna donna. Dio viene per tutti senza discriminazioni.
 
Natale cambia la direzione del nostro sguardo, del nostro sentimento e del nostro fare. Infatti, se Dio ha assunto la nostra carne, Egli è con noi, cammina con noi.
Natale non appartiene al passato. Dio è in ogni uomo. Dio è con noi in ogni momento. Dio nasce ogni giorno. Dio viene a noi nella sua Parola, nei Sacramenti, negli uomini n ostri fratelli e sorelle, in ogni evento. Dio è nella sua Chiesa, nella storia e nel nostro mondo.
 
Il significato più profondo del Natale è la vicinanza amorosa di Dio lungo il cammino della nostra vita. E questo cambia la ragione e l'ideale della nostra vita e della nostra esistenza. Solo questo amore di Dio e solo amare con questo amore è cosa utile e benedetta nella vita di ciascuno. Dio ci invita ad accoglierLo e seguirLo lungo  il sentiero dell'amore e della pace.
Festeggiamo, allora, ogni giorno il vero Natale.
Permettiamo che Dio nasca ogni giorno in noi e tra di noi.

© Riproduzione Riservata