Archivio Anno 2012

<< Torna indietro

25 dicembre 2012
E’ nato per noi un Bambino"Dio ha illuminato questa notte santa, con la nascita di Cristo, luce vera". Così prega la Liturgia nella Messa nella notte del Natale del Signore. La luce splende nelle tenebre. Nel buio del mondo. E nel turbamento della nostra coscienza. Dio ci ha dato la sua luce nella persona di Gesù, nato per noi e per la nostra salvezza. Il messale offre tre diverse forme per la celebrazione della Santa Messa nella solennità della Natività del Signore. La varietà e la ricchezza delle Scritture ci aiutano a riflettere sul mistero del Figlio di Dio fatto uomo ed entra nella storia umana. Nella prima messa, che si celebra proprio nel cuore della notte, gli angeli cantano la gloria di Dio e la pace che egli dona ai suoi figli come un dono e un impegno. La notte è metafora dell’oscurità e della tenebra che viene illuminata dal fulgore della luce che è Cristo “luce del mondo”. Gli Angeli hanno trasmesso ai pastori la buona notizia della nascita di Gesù. Il suo messaggio li invita a superare la paura e godere per la gioia della salvezza. Nella seconda Messa detta “dell’aurora” i protagonisti sono i pastori (Luca 2,15-20). A quel tempo i pastori non erano attendibili. Non potevano neppure essere chiamati a testimoniare in tribunali civili. Tuttavia, Dio sceglie proprio loro come testimoni privilegiati del più importante evento della storia. Il brano evangelico di Luca riassume in tre punti il loro destino e la loro vocazione In primo luogo, si può osservare che la parola degli angeli non è caduta nel vuoto. I pastori si sono sentiti...
continua...
A 50 anni dall'apertura  Tornare allo spirito del Concilio
26 novembre 2012
Giovanni XXIII, Papa dotato di un forte carisma profetico, convocò il Concilio Vaticano II - come ha detto - grazie a "una improvvisa ispirazione di Dio" che ha avuto in un "momento mistico". Lo spirito del Concilio Vaticano II impregnò il...
Regnare con Cristo è servire
22 novembre 2012
Con la festa di Cristo Re dell'universo, si concluderà l’anno liturgico. Il nuovo anno liturgico, che avrà inizio la prima domenica di Avvento, sarà certamente segnato dalle celebrazioni che le singole Chiese particolari promuoveranno in occasione...
Credere è fidarsi di qualcuno
20 novembre 2012
Si sente dire spesso: "Non ho la fede. Io non credo" A chi si esprime in codesto modo, si può rispondere che non è vero. La fede in qualcuno è necessaria per vivere. Tutti hanno bisogno di credere e di essere creduti. E’ indispensabile...
La fatica e la gioia di credere
19 novembre 2012
Credere è sempre stato difficile. La fede è difficile; perché si crede ciò che non si conosce: si crede ciò che non si vede, ciò che non si constata. Se, invece, tutto questo fosse possibile non avremmo bisogno di dire “io...
XXXIII domenica per annum  «Chiamati alla speranza cristiana»
17 novembre 2012
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte. Allora vedranno il...
XXXII domenica per annum  «Non la quantità, ma la totalità»
10 novembre 2012
In quel tempo, Gesù [nel tempio] diceva alla folla nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e...
Omelia nella 31 domenica per annum  «Il comandamento dell'amore»
03 novembre 2012
In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore;...
Vita mutatur, non tollitur!
02 novembre 2012
Ricorre l’annuale Commemorazione dei fedeli defunti. Nel Credo noi proclamiamo: Dio verrà a giudicare i vivi e i morti ed il suo Regno non avrà fine. La fede nella risurrezione dei corpi deve sorreggerci oggi con certezza incrollabile. Con morte la vita non...