La vita nello Spirito
il dono della fortezza

<< Torna indietro


Una delle cose che i giovani apprezzano di più oggi è la forza fisica. La pratica dello sport e la cura del proprio corpo è un'ossessione per molti, perché è ritenuto un modo per avere successo. In molti ambiti della vita, la forza è intesa come una qualità necessaria per raggiungere gli obiettivi che qualcuno si propone: si pensi, ad esempio, alla competizione che governa il mondo dell'economia, o nelle lotte per il potere così presenti in politica. 

 

La forza è per molti la virtù di chi lotta instancabilmente per raggiungere i propri scopi: è una condizione per il successo nella vita. Vista in questa prospettiva, la forza si identifica con la forza di chi non esita a usare tutti i mezzi necessari per ottenere ciò che vuole, anche se dovesse essere fonte di sofferenza e di ingiustizia.

 

Il dono della fortezza non ha nulla a che vedere, né va confuso con la mancanza di scrupoli per ottenere ciò che si vuole, per imporre le proprie idee o anche per far soffrire gli altri. Non è una qualità per il successo, ma una condizione per una testimonianza autentica della fede da professare anche in mezzo alla difficoltà e al pericolo. Consiste nella fortezza interiore che lo Spirito dona e che porta il credente ad accettare la sofferenza per Cristo senza lasciarsi vincere dalla paura anche davanti alla prospettiva della morte, perché è sicuro della speranza della Vita eterna alla quale Dio chiama a tutti. Per questo i martiri, che hanno mostrato la loro disponibilità a soffrire per la verità e, perdonando i loro persecutori, hanno affermato di non voler far soffrire nessuno per essa.

 

Sant'Agostino, in una predica che commemora il martirio di san Vincenzo, ricorda che il martirio non è l'unica arma che il mondo usa per uccidere la fede dei cristiani: quando la persecuzione non è efficace, usa la seduzione. 

La fortezza non si manifesta solo nella capacità di vincere la persecuzione, ma va vissuta anche ogni giorno nella lotta contro le tentazioni e il peccato, per crescere nella santità e vivere nella grazia e nell'amicizia con Dio. È un dono che dobbiamo chiedere in modo speciale per i giovani che ricevono il Sacramento della Cresima. Sappiamo quanto sia importante questo passo nel cammino della fede, quindi dovremmo essere felici che diverse centinaia di giovani e adulti lo chiedano ogni anno nelle nostre comunità. 

 

Se teniamo conto dell'ambiente sociale e familiare in cui molti di loro vivono, siamo di fronte a un piccolo miracolo. Spesso nel loro ambiente l'opzione della fede non è sempre valorizzata e le esigenze della vita cristiana non sono né comprese, né accettate socialmente. 

 

La paura di comportarsi, parlare o pensare in modo diverso dalla maggior parte è una prova della fede di molti giovani. 
Rimanere fedeli e coerenti nell'impegno cristiano è una sfida per la quale bisogna essere preparati spiritualmente.

 

© Riproduzione Riservata