Testimoni del Risorto

<< Torna indietro


Cristo è risorto! E l’ha fatto per tutti noi.

La Chiesa lo canta e lo proclamerà per giorni fino alla Pentecoste.

Gesù Cristo è la primizia e la pienezza di una umanità rinnovata.

La sua vita gloria è come un incommensurabile tesoro, a cui tutti siamo chiamati a partecipare fin d’ora.

 

Mediante il battesimo, la nuova vita del Risorto è entrata nel nostro essere e nella nostra esistenza e conferisce in germe la grazia della nostra futura risurrezione.

La Lettera indirizzata dall’apostolo Paolo ai Colossesi ricorda ai battezzati: “Se siete risorti con Cristo cercate le cose di lassù, dove sta Cristo assiso alla destra del Padre...”.

In Cristo tutto acquisisce senso e significato nuovo. Nella Pasqua tutti siamo chiamati a trasfigurarci, a liberarci dalla schiavitù  del peccato e a condividere la vita nuova e gloriosa del Cristo risorto.

 

Aver celebrato in spirito e verità la Pasqua è un  impegno di vita e di testimonianza. Gli Apostoli furono prima di tutto testimoni vivi della resurrezione di Gesù. La Pasqua di Risurrezione ci chiama ad accogliere il dono di Dio Padre nel Cristo Vivente e a trasmettere questo messaggio alle nuove generazioni. E’ questo il nostro fondamentale e più sacro dovere: trasmettere con la parola e con la testimonianza delle buone opere la Buona Notizia che in Cristo la vita ha vinto la morte.

 

La Pasqua chiama tutti i battezzati a vivere il proprio battesimo; tramite questo sacramento siamo stati trasformati in  uova creatura. La nostra gioia sarà vera se la nostra vita incrocerà veramente il Risuscitato: per il credente  non c’è gioia più sincera e più profonda: nessuno e da nessuno potremo avere quella gioia vera che solo Cristo può donarci.

Per questo l’amato Papa Benedetto proprio all’inizio del suo ministero petrino ha ricordato agli uomini del nostro tempo: “non c’è gioia più grande che quella di lasciarsi raggiungere ds Cristo Gesù”. 

 

L’incontro personale con il Risorto segnerà tutta la nostra vita, la nostra relazione con i fratelli e con tutta la creazione.

 

Testimoniamo la gioia della Pasqua!

Testimoniamo Cristo Risorto.

Testimoniamo la gioia del nostro incontro con il Risorto con la stessa semplicità e con la stessa forza che contengono le parole della Scrittura: “Voi conoscete ciò che è successo. Gesù ci ha incaricato di predicare al popolo dando solenne testimonianza che Dio lo ha nominato giudice dei vivi e dei morti”.

 

Dobbiamo proclamare Cristo risorto e invitare tutti gli uomini e le donne del millennio a vivere la Pasqua di Risurrezione.

 

Proclamiamo e viviamo la Vita nuova del Risorto là dove gli uomini e le donne sono feriti nella loro intimità, nella loro vita e nella loro verità.

 

   La Pasqua ci ha fatto scoprire che la nostra vita è stata essenzialmente trasfigurata dalla risurrezione di Cristo. Egli ha vinto il potere del demonio con tutte le sue conseguenze: aggressività, violenze, guerre, la ricerca dell’immediato e relativo, il potere per il potere, l’oppressione e l’ingiustizia.

    La Pasqua ci ha invitato e sollecitato a pregare e a benedire, invece che maledire e diffamare.

    La Pasqua ci ha chiamato ad amare invece che a odiare.

  La Pasqua ci ha chiamato a essere promotori della sacralità e della cultura della vita contro la cultura della morte, costruttori di pace  di giustizia, di amore e di verità.

 

Coraggio, allora!

Tutti testimoni del Risorto perché la Pasqua continui.