Quindici consigli di un sacerdote “anziano” ai confratelli sacerdoti

<< Torna indietro

 

Quindici consigli, senza troppi preamboli. Me li ha affidati un Padre dello spirito che ritenevo “anziano, anzi vecchio”. Era un uomo di Dio! Mi manca; so che veglia su di me dal Paradiso, ma mi manca. Era cieco, ma ci vedeva "meglio di una ince"! Desidero condividere questi suggerimenti con i miei confratelli sacerdoti nella speranza che possano tornare di qualche utilità. Se sono di aiuto, benedetto sia Dio; se no, la brevità del linguaggio a mo’ di twitter farà in modo che non si sia perso troppo tempo.
 
Ecco allora i quindici consigli senza troppi preamboli.
 
1.     Nulla potrà mai rimpiazzare il valore del tuo tempo trascorso solo a solo con Gesù. Prega, prega,prega!
 
2.     Tu non sei il proprietario dei sacramenti, ma se li celebri con fede viva e amore sincero saranno il tuo principale alimento spirituale.
 
3.     Se la Croce di Cristo non sarà con debita frequenza oggetto della tua predicazione, sii sicuro che stai per diventare irrilevante.
 
4.     Sarai strumento di Cristo se la tua voce chiamerà con uguale forza a un sincero pentimento e alla fiducia nella grazia di Dio.
 
5.     Il sacerdote che non predica la conversione con la sua vita e con la parola non farà altro che predicare al vento.
 
6.     Anche coloro che non sono d'accordo con te ti ringrazieranno se esporrai sempre la dottrina in modo chiaro; hanno diritto anche loro di sapere cosa li attende.
 
7.     Le conquiste pastorali che violano la dottrina della Chiesa terminano con un amaro disinganno per tutti.
 
8.     Cerca il modo migliore per essere amico delle famiglie e non solo delle persone.
 
9.   Le domande più utili per un pastore di anime sono: Chi non sto prendendo in considerazione? Di chi mi sto dimenticando? Bonum animarum suprema lex!
 
10.  Sii molto prudente.  Custodisci la promessa di fedeltà a Dio che hai pronunciato prima del diaconato. Sii casto nei pensieri, nelle parole, nelle azioni.  Prega perché lo Spirito ti conservi fedele e puro.
 
11.  Non permettere mai che i mezzi di comunicazione convertano il tuo inistero in uno spettacolo.
 
12.  Se dimentichi la grande questione della immigrazione non evangelizzerai; ma se sazierai la fame con il solo pane non annuncerai il Vangelo.
 
13.    Il modo migliore per evitare l'inferno e il principe del Male non è evitare di menzionarli!
 
14.  Non edulcorare il Vangelo: annuncialo sine glossa. Se Cristo ha detto che la strada è stretta cammina lungo quella indicata dal Maestro e annunciala con amore a tutti.
 
15.  Non cercare di vincere sempre, ma impara a vincerti ogni giorno un po’ di più per amore di Gesù Cristo. Nulla dies sine linea, direbbe l’Imitazione di Cristo.

 

© Riproduzione Riservata